eduardobarbera

Provo a spiegare cosa sia secondo me......

la fotografia delle sensazioni...o dei sentimenti

E' abbastanza complicato farlo a parole. Queste immagini hanno delle regole di composizione dell'inquadratura che sono semplici a parole, ma molto spesso il non seguirle rende il risultato piatto e banale.
Una di tali regole é che quasi sempre quando si vuol rendere una ambientazione, indipendentemente dalla chiave della luminosità o della cupezza dei toni la parte centrale dell'inquadratura dovrebbe rimanere vuota.
Ma naturalmente questo funziona solo se poi dentro alla stessa c'è qualcosa che possa interessare.
Un'altra è quella che l'utilizzo della parte centrale deve essere collegato ad una "presenza forte del soggetto" e che magari questo deve anche rendersi conto di essere inquadrato. Può essere difficile e persino pericoloso perché le persone non sono sempre disponibili a partecipare....insomma qui ci vuole un po di fortuna....ed essere rapidissimi....se si riesce non debbono nemmeno capire di essere inquadrati...magari puoi perfino far finta che sei tu che ti infastidisci perché ti sono entrati nel campo....farlo è semplicissimo...basta scattare qualche altra foto spostandosi...di pochissimo come se il tuo interesse fosse un altro e non loro. So che è un trucco...ma credetemi funziona alla grande...e poi tanto in digitale si cancellano gli scatti superflui.

Molti di questi scatti seguono queste regole semplici. Fotografare la gente mentre vive è lla cosa più bella come dimostrano i grandi maestri....
Quello che rimane catturato, se ci si riesce è una sorta di sentimento dell'istante, che naturalmente non ha un valore documentario o un altro valore particolare...nemmeno estetico. E' pura fotografia.
Ecco per me queste immagini rappresentano abbastanza bene la fotografia dei sentimenti....perché se è vero che rubi qualcosa al soggetto ci metti anche tutta la tua complicità ed un grande affetto per quella semplice reazione di chi non pensa di essere tanto importante da poter diventare il tuo soggetto. Eppure lo è. Lo siamo tutti.
Link
https://www.eduardobarbera.it/provo_a_spiegare_cosa_sia_secondo_me-a7479

Share link on
CLOSE
loading